• We are Velvet #Negra
    pubblicato il 08 ottobre 2013
    Non starai certo meglio a mangiar cioccolata da barattoli che portano il tuo nome sull’etichetta, o a dissetarti con lattine rosse che pretendono di dirti chi sei o come cazzo stai; è una cosa seria, più di quanto tu creda, perchè alle 6 del mattino i nostri occhi socchiusi vanno a fuoco per la levataccia e se solo provi a sollevare la serranda del tuo negozio la schiena ti fa male e secondo me non fai una gran figura se ti gira gente intorno. Eppure dovrai cominciare a combattere anche se fai straordinario nelle ore di buio, perchè da oggi sei un guerriero con l’hashtag, così ci possiamo seguire pure su twitter o instagram. I #Guerrieri incutono timore, anche se in realtà dormono in piedi o desidererebbero farlo.
    E’ solo che ho guardato troppa tv questa settimana, ma forse non avrei dovuto. 
     
    Negra, l'apertura della 3^ stagione.

    Negra, l’apertura della 3^ stagione.

     
    Il ritmo della prima serata Negra è tutto qui, ti accompagna per il Velvet e disintegra facilmente le facce tristi e tutte le controindicazioni, che sono sempre troppo noiose. 
    E’ una questione di ritmi che ti scoperchiano l’ombelico e ti fanno muovere i piedi, insomma è una questione Negra come la notte che ci avvolge e umida come l’abitudine alla pioggia che ci tatuiamo addosso d’inverno. 
     
    La gente arriva, cresce costante e senza fretta, c’è l’Afro più storica, con ospiti come Shamah e Vins, poi c’è il reggae ed il dub in pista Noise e poi un sacco di altre cose, come il live di Irol che disegna l’aria con le rime istantanee della sua voce. 
     
    Ghigo

    Ghigo

     
    Succede altro al Negra, mentre schiacciamo i brutti pensieri sotto ai nostri tacchi o almeno ci proviamo.
    Sai quando hai sete e vuoi da bere? Puoi andare ai due bar della pista grande, oppure al bar della pista Noise, oppure in Vertigo. Metti che ti piaccia il verde ed allora ti conviene andare al bar della Noise, che è tutto verde e c’è scritto “Believe It”. Ti appoggi al bancone e aspetti, prendi la consumazione dalla barista con la canottiera rossa, ti giri e te ne vai. 
     
    Barista sala Noise

    Barista mora della sala Noise

     
    Sosti in un angolino e inizi a sorseggiare, che è pure buono quello che hai preso. Poi ti vai a fumare una sigaretta, metti che incontri uno che “Oh ciao..” non vedi da molto e fai due chiacchere. Dopo un po’ ti va una birra, meglio bere subito, che se guidi non devi esagerare e così opti per l’ultima consumazione della serata. 
    Sei in sala grande e vai al bar grande, aspetti da bere ed ecco di fronte a te una birra bionda e una barista mora
     
    Barista mora sala Rem e la mia birra

    Barista mora in sala Rem mentre prepara la mia birra

     
     
    e allora sei quasi sicuro che è la stessa barista di prima che ha cambiato vestito e anche bar; può succedere, ti dici, anche se non ha molto senso, magari sono due ragazze che si assomigliano, magari due gemelle, ma non hai voglia di chiederlo. Certo, un vodka lemon e una birra non sono abbastanza per farti vedere doppio e ok, il futuro non è più quello di una volta, ma sai come si dice in questi casi? 
     
    (dedicato al Fiurci “Takko”)