• WE ARE VELVET #ELEKTROVELVET
    pubblicato il 20 maggio 2014

    Era un dannato 17 maggio e Velvet se ne stava pancia all’aria e a gambe conserte in riva al lago. 

    La temperatura non era niente male quella sera e neanche la birra che il nostro si stava assaporando con l’indispensabile ausilio di una comoda sdraio.

    Certo il pensiero volava al fatto che quella notte ci sarebbe stato l’ultimo Elektrovelvet e se c’è una cosa che Velvet proprio non sopporta sono gli addii. 
    La data del suo compleanno era sempre più prossima e neanche questo contribuiva a rasserenargli l’animo. Anche le ricorrenze non gli sono mai andate a genio, ma 25 anni sono un traguardo che rendono d’obbligo una festa con gli amici di sempre; comunque questa è un’altra storia e di quella notte avremo tempo di parlare.
     
    Velvet diede uno sguardo alla rumorosa cipolla che portava nel taschino del panciotto e vista l’ora decise che era giunto il momento di iniziare a prepararsi. 
    Si alzò e dopo aver buttato la bottiglia ormai vuota nel bidone cominciò a sistemarsi il trucco. 
    Allo specchio il primo pensiero fu proprio il fatto che 25 anni alla fine non li portava affatto male, certo c’era qualche ruga in più, ma faceva parte della vita e questo lo sapeva bene. 
    Si sentiva pronto per quella notte a base di Electro, aveva provato tutta la settimana e qualcosa gli diceva che sarebbe andato tutto per il meglio. 
     
    Mancava solo una cosa, proprio come quando hai tutti gli ingredienti per miscelare una buona ricetta, ma ti accorgi che uno di essi manca all’appello.
    Che diavolo di fine aveva fatto il Sidekick? 
    Una cosa era certa, non avrebbe potuto fare tutto da solo, quindi prese il telefono e iniziò a pigiare nervosamente la tastiera. 
     
    Dall’altra parte del telefono, nei pressi di Riccione, Marvin alzò la cornetta e rispose con un tono piuttosto sicuro. 
    “Hai intenzione di aspettare i miei 50 anni Marvin? Si può sapere che fine hai fatto?”
    “Sto arrivando.” 
     
    A volte le belle storie cominciano così, per lo meno quella del nostro sabato appena passato è andata proprio in questo modo.
    Quando parliamo di notti speciali come l’Elektrovelvet è facile che gli addii si trasformino in arrivederci alla prossima stagione e così sicuramente sarà. 
    Intanto ci siamo goduti l’affettuosa carezza del saluto e l’abbraccio forte che ti regala chi ti mancherà per un po di tempo. 
     
    Piste piene e staff al gran completo con Busy Bitch a spaccare la Sala 1 e i Jungle Moves in sfida con i Fairy Circles ad otturare la Sala 2. 
    Una grande notte con gli ospiti internzionali, Bart B More e Tai, che ringraziamo tantissimo per aver suonato e bene sul nostro palco. 
     
     
    10394582_758127510886591_1606344516950559882_n
     
    Marvin Moscara ha giocato onestamente le sue carte, non ha bluffato ed è stata una mano preziosa che ci teniamo a farvi conoscere. 
    Il tema del challenge per diventare il Sidekick chiedeva proprio di scegliere il proprio Sidekick personale. Ci sono arrivate tantissime risposte, ma Marvin ci è piaciuto subito perchè ha scelto suo fratello come Sidekick, da portare al Velvet non appena avrebbe compiuto 16 anni. 
     
    20140518_013530
     
    E così è stato, Marvin è venuto in compagnia di suo fratello, dopo aver preso i gadget Elektrovelvettiani hanno ballato sul palco di fianco ai Busy Bitch. 
    Insomma un addio, anzi un grosso arrivederci da manuale!! 
     
     
    E ora l’intervista con il Sidekick. 
     

    Di dove sei? 

    Riccione

     

    Quanti anni hai? 

    17

     

    Che fai nella vita?

    Studio, faccio le superiori al liceo scientifico A. Volta di Riccione

     

    La tua passione più grande.

    Basket

     

    Se c’è, una cosa che cambieresti nella tua vita 

    Nulla

     

    Il tuo genere musicale preferito

    Rock

     

    Cosa ti piace del velvet?

    C’è spazio per tutti, sempre. 

     

    la cosa più bella che ti è successa al velvet

    Quando abbiamo ballato l’Harlem Shake con Digi Galessio 

     

    Invece, qualcosa che cambieresti al velvet.. 

    Alzerei il soffitto della Sala 2

     

    La cosa che ti rende più felice in assoluto

    Quando puoi rilassarti, passare una giornata in tranquillità senza pensieri, insieme agli amici, magari passeggiando nei boschi (sono uno scout)

     

    La cosa che ti piace di meno in assoluto

    Quando non ti parlano direttamente, gli amici, le persone vicine, la gente in generale.

     

    Un’idea per migliorare il mondo e che vorresti far ascoltare a tutti … (evita risposte sulla politica)

    Empatia, mettersi sempre di più nei panni degli altri. 

     

    Chi vorresti vedere live al Velvet?

    Chemical Brothers